La violenza maschile è come uno tsunami – di Monica Lanfranco su MicroMega

“Un paese civile non può permettersi di dirsi tale se ogni tre giorni una donna viene uccisa da un uomo che diceva di amarla.

Protezione civile: due parole che abbiamo imparato ad associare, in era pandemica e pre apocalittica, all’insieme di interventi, talvolta tardivi e quasi mai sufficienti, contro gli innumerevoli eventi catastrofici ‘naturali’ provocati dall’incuria umana, in campo ambientale così come in quello sanitario.

Qualche giorno fa, durante un evento online formativo organizzato dal centro antiviolenza Sud Est Donne ho sentito per la prima volta associare queste due parole alla violenza maschile.

A pronunciarle è stato un uomo delle istituzioni, il sindaco di Ginosa Vito Parisi, che è rimasto ad ascoltare per tutta la durata dell’incontro, fatto questo non secondario perché (succede talvolta anche con sindache) chi ha ruoli istituzionali raramente, dopo i saluti di rito, rimane agli eventi, specie quelli che toccano argomenti legati alla violenza sulle donne. Nella mia esperienza sono state fin qui davvero poche le occasioni nelle quali persone con cariche istituzionali hanno partecipato fino in fondo.

Vito Parisi ha portato nella discussione, incentrata sul fenomeno del revenge porn (la cui definizione convenzionale purtroppo è pessima) il concetto di protezione civile perché proprio sul suo territorio all’inizio di novembre c’è stata una denuncia fatta da una donna, bersaglio di questa odiosa e traumatizzante forma di violenza.

Protezione civile sono due parole straordinariamente importanti se associate al fenomeno del sessismo e della violenza maschile sulle donne.

Protezione: perché la collettività, quindi la politica in primo luogo, deve farsi carico di proteggere chi è bersaglio di violenza; con la prevenzione e l’educazione che abituano la società a riconoscere la violenza, anche e soprattutto quella che si annida dentro le relazioni familiari, nelle quali siamo troppo diffusamente reticenti a intervenire.

‘Tra moglie e marito non mettere il dito’ è un retaggio radicato nella tradizione popolare patriarcale purtroppo ancora attuale.”

 

Continua a leggere l’articolo qui.

In occasione delle giornata internazionale contro la violenza sulle donne proponiamo i seguenti titoli:

Fai la brava 

Manifesti Femministi

Sex work – ne sesso ne lavoro

Il mito pretty woman

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.